un Blog di Gabriele Cecchini


un blog di Gabriele Cecchini

giovedì 5 dicembre 2013

La caduta - Perché Rita Riboldi è una donna speciale

La caduta


Rita Riboldi è una donna che non combatte, soccombe. Vive la sua vita dentro compartimenti stagni senza slanci, senza amore. L'università vede una parte di lei rigida, composta, perfetta; dentro le mura domestiche si consuma la tragedia più antica, riservata a pochi, quella del duello eterno con una madre arida e odiosa.
L'unico suo vero amore - uno c'è stato allora! - è quello per lo studio, l'arte, le lettere, il cinema infatti l'hanno salvata da un mondo lercio e asfittico. Salvata si fa per dire, perché Rita sente un disagio, una scollatura, ma non reagisce e tira avanti con la sua vita in scatola. 
Questo finché non cade davanti ai suoi studenti e ogni cosa si ribalta. La Rita Modello va in pensione e una donna volgare, sguaiata, sincera si sostituisce a lei. Nel vortice degli accadimenti che si fanno intensi, brutali Rita sembra perdere il bandolo della matassa, finisce sull'orlo di un precipizio conosciuto: la follia. Per fortuna riesce in qualche modo a salvarsi, un'altra volta, e il nuovo che l'aspetta è imprevedibile, pericoloso, ma tremendamente eccitante. Consapevole che non sarà una "messimpiega" o un vestito nuovo a portare il cambiamento, come del resto non può una stupida caduta, Rita guarda in fondo al tunnel e intravvede una possibile strada da percorrere. Solitaria e ben distante dalle autostrade rombanti alle quali ha da sempre tentato di appartenere senza riuscirci. Per cambiare, però,dovrà faticare e molto.

6 commenti:

  1. Non ho ben capito se questa è la presentazione di qualcos'altro... Illuminami, Gabriele :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Regina... Si tratta del mio primo romanzo, La caduta, uscito nel 2013 per Edizioni La Gru, e, ci tengo a precisarlo, senza nessun contributo da parte mia (la casa editrice è rigorosamente non a pagamento). Mi ha dato tante soddisfazioni questa donna difficile, complicata, e mi bastano per poter dire che è valsa la pena ascoltarla e darle voce!!

      Elimina
  2. WOW!... Un romanzo??? Ma è splendido!...lo dicevo io che la tua penna è speciale... È inutile dirti che mi piacerebbe molto leggerlo, magari non appena i bambini mi daranno un pó di respiro vedró di rintracciarlo :))...mi piace la presentazione che ne hai dato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... Se non riesci a trovarlo contattami (in privato)..

      Elimina
  3. L'ho visto su IBS! Che belle recensioni: si, devo assolutamente leggerlo! :) bravo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😊😊😊😊 non so a quella zitella di Rita Riboldi cosa le sia preso di venirmi a trovare...

      Elimina