un Blog di Gabriele Cecchini


un blog di Gabriele Cecchini

martedì 15 ottobre 2013

Perché un blog anti-messimpiega



Un blog che si rivolge a tutti coloro che trovano maledettamente fastidiosa la superficialità da quattro soldi del tipo: "Si svegliò, si guardò attorno e capì che avrebbe dovuto farsi una messa in piega, per prendersi un po' di tempo per sé, per coccolarsi. E magicamente sentì che le cose avrebbero preso una piega diversa, nuova". In altre parole: il cambiamento comporta uno sforzo, una lotta contro se stessi, un dolore profondo che ha tempi indefiniti. Questa società che non fa altro che proporre un allucinante mordi-e-fuggi in ogni ambito della vita pubblica e privata, nella cultura, uccide alla radice le premesse di un reale cambiamento. Per quanto mi riguarda, più che ad un vero e proprio cambiamento finora mi sono dedicato ad un processo di disvelamento, di presa di coscienza, che è molto vicino al cambiamento, ma in realtà poco o niente si distrugge del tutto (l'ombra dei vecchi noi stessi resta). Dunque è la fatica che si fa nel tentativo di portare lontano da sé certe manie/ossessioni/paure che ci fa sentire e diventare uomini nel vero senso della parola, quell'ostinazione a migliorarci ci salva.


N.B.: "Messimpiega" è scritto volutamente così




5 commenti:

  1. Primo commento sul tuo blog, che mi riprometto di leggere con assiduità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Benvenuto....in mezzo ai miei deliri!!!!!!

      Elimina
  2. E oggi mi sono spinta fino alle origini!... WOW! Ecco perchè mi trovo bene a "casa tua"... :) Sono contraria alla messimpiega pur'io: ABBASSO LA MESSIMPIEGA! W CHI SA DIRE MOLTO E ANCHE ALTRO AL DI FUORI DEL CORO DEL GREGGE SOCIETARIO...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Eh sì,inizialmente si chiamava "una messimpiega e via!" Poi l'ho cambiato... Abbasso il conformismo..e benvenuta alle origini...

      Elimina